Lady Radio: Il Fornaio


Molti panifici gestiti dalla camorra cuocevano il pane bruciando dei copertoni. Ti dico la verità un po’ di questa storia me ne ero accorto. da qualche tempo infatti mio figlio con le rosette ci fa delle bolle più grosse delle big Babol! Io addirittura in macchina non ho più la ruota di scorta. Nel baule tengo un filone da un kg, se foro ci metto quello. Non solo i copertoni per cuocere il pane bruciavano ma anche le bare. E questo mi porta a riflettere su come sono cambiati i tempi. Una volta ci dicevano “ricordati uomo che tu sei polvere e ritornerai povere!”. Oggi invece ci dicono ” ricordati uomo che tu sei polvere ma tornerai baguette!”. Io sono figlio di un fornaio e ti posso dire che il fornaio è come un carabiniere; Innanzitutto anche lui ha la divisa. Il fornaio lo riconosci perché indossa zoccoli bianchi, calze bianche, ha delle gambine secche e storte. La gamba diritta non è regolamentare per fare il fornaio. Se un fornaio si presenta con la gamba dritta gliela storgano a colpi di pala. Pantaloncino e canottiera bianca sia d’estate che d’inverno. E’ difficile capir quando il fornaio porta la canottiera perché quando se la leva sotto gli rimane il segno. Ha un tatuaggio naturale! Il fornaio è come il carabiniere sarebbe orgoglioso se il figlio seguisse il lavoro del padre. Sai quante volte mio babbo mi ha detto ” non capisco perchè non vuoi fare il fornaio? E’ un mestiere sicuro; tutte le notti ti alzi alle 2 lavori 18 ore e poi torni a letto. Perchè non lo vuoi fare?” ” Babbo ti sei fatto la domanda e la risposta da solo!”. Non dimenticherò mai quando da bambino vedevo mio babbo prendere il pane appena uscito dal forno. Mi ricordo che sulle mani aveva sempre dei segni rossi. Infatti la prima volta che in Tv vidi le stimmate di Padre pio, pensavo che fosse il fornaio di San Giovanni Rotondo!

Tutti i giorni alle 10.50 e in replica alle 16.30 “il Pungiglione” rubrica comica di Andrea Muzzi su Lady Radio….90.8/90.60 FM

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.andreamuzzi.it/home/wp-includes/class.wp-dependencies.php on line 213